2 Agosto 1980 – La strage di Bologna e i rappresentanti di governo e di stato

3 agosto 2009 at 16:27
Edizione straordinaria del Resto del Carlino per la strage della stazione di Bologna del 2 Agosto 1980

Edizione straordinaria per la strage della stazione di Bologna del 2 Agosto 1980

La strage di Bologna vede condannati solo i parenti delle vittime. Per ben tre volte: la prima è la condanna alla sofferenza, la seconda arriva dai buffoni politici che presenziano alla 29^ commemorazione, la terza è avere ormai la certezza che i colpevoli della strage sono liberi e i mandatari impuniti.

Strage di Bologna: gli intrecci tra politica, terrorismo e massoneria

Ieri è stata commemorata per la 29^ volta la strage della stazione di Bologna del 2 Agosto 1980. Una strage su cui luci e ombre continuano a persistere. Politica, serivizi segreti, terrorismo e massoneria sono le fondamenta di questa strage. Molti presunti colpevoli sono fuori dal carcere e i mandatari di questa strage sono impuniti.

L’Italia è un paese controllato

La verità è palese: come spesso accade, in Italia, non ci sono condanne ne pene. L’Italia in questi episodi è ben controllata e zittita. Mafia, politica e massoneria si intrecciano per proteggere i loro segreti. Il governo e lo stato Italiano hanno sempre mentito schifosamente riguardo la strage di Bologna. Parole pronunciate e poi ritratte e tanti altri giochi e tattiche politiche del malaffare Italliano.

I politici Italiani mancano di rispetto ai parenti delle vittime della strage di Bologna

Ogni anno un rappresentante di governo presenzia alle commemorazioni per la strage di Bologna. Il suo solo compito è di leggere il solito “bel discorso”. Quest’anno è toccato al ministro Bondi, che si è permesso di parlare del dolore che prova per le vittime e ha fatto accenni alla democrazia. Viene fischiato e invitato ad andarsene, ma resta. Una caratteristica comune dei politici Italiani. Infanga il nome delle vittime e manca di rispetto ai parenti di quest’ultime con parole vuote. Invece di capire lo sdegno di chi lo contesta si infervora a favore dello stato e del governo. Così sono i nostri politici e così è il nostro paese. Non comprendono i cittadini e pensano che l’unica cosa che conti è una presenza politica con qualche parola. I politici Italiani d’oggi non stanno mai dalla parte dei cittadini.

Giustizia e verità per i Bolognesi e gli Italiani

I Bolognesi vogliono giustizia e verità, non parole prive di significato. Se i politici sono intenzionati a fare qualcosa per i cittadini di Bologna e l’Italia si impegnino a rivelare la verità. In caso contrario il 2 Agosto possono rimanere dove sono. Faranno sicuramente meglio non mancando di rispetto e non infangando il nome delle vittime della strage di Bologna con la loro faccia tosta e tutto il malaffare che li caratterizza!