Chiesa cattolica e santi, una proclamazione di comodo

6 luglio 2009 at 12:36
Santi e icone venerate e adorate dai cattolici

Santi e icone venerate e adorate dai cattolici

La chiesa cattolica sta dalla parte dei santi solo quando sono morti. Non si affianca mai a loro per aiutarli in vita, ma si prende il loro lavoro e la loro fede una volta morti per fare proseliti di fedeli.

I santi li fa Dio, non la chiesa

Ma i santi sono tali solo quando sono morti? Non si può essere santi anche in vita? Perchè la chiesa cattolica proclama i santi solo quando sono morti? I santi li fa Dio o li fa la chiesa? Chi può vedere tutto l’operato di un uomo e chi lo giudica se non Dio? I santi cattolici sono proclamati tali da morti perchè così non possono parlare. Altrimenti sarebbero probabilmente scomodi. Perchè non mostrare ai fedeli le opere degli uomini che fanno del bene quando sono vivi? Forse perchè ci sarebbe una disparità di stili di vita troppo evidente: tra coloro che una volta morti la chiesa proclamerà santi e la chiesa stessa.

La chiesa nasconde la verità e usa infimi trucchi per mantenere il potere sulle genti

La proclamazione dei santi e il loro culto allontanano gli uomini da Dio. La chiesa cattolica ha insegnato ai suoi fedeli a venerare e adorare santi e morti! La chiesa cattolica non riporta fedelmente gli insegnamenti di Dio e del Cristo.

Io sono il Signore, tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese di Egitto, dalla condizione servile. Non avere altri dèi di fronte a me. Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù in cielo, né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra. Non ti prostrerai davanti a quelle cose e non le servirai. Perché io il Signore tuo Dio sono un Dio geloso, che punisce la colpa dei padri nei figli fino alla terza e alla quarta generazione per quanti mi odiano, ma usa misericordia fino a mille generazioni verso soloro che mi amano e osservano i miei comandamenti. Deuterenomio 5,6

La chiesa cattolica con i suoi stravolgimenti e interpretazioni delle scritture allontana gli uomini da Dio. Li lega alle cose materiali e gli fa dimenticare che Dio va amato in spirito e verità. Chi rimette la propria fede a crocifissi, altari, santi e morti ama Dio in spirito e verità? O si tratta di materialità e menzogna?

Per fare proseliti la chiesa è disposta ad utilizzare qualunque mezzo, arrivando persino a dimenticare che prima dello “spettacolo cattolico” ci sono Dio e la verità.