Tecnologia e contributo delle comunità web per abbattere i costi della scuola

14 ottobre 2009 at 06:34

libro con copertina fatta a lavagna e segna libro che si trasforma in mouse

Unire tecnologia e contributo delle comunità web in ambito scuola


Con il lavoro di professori volontari e la licenza creative commons si potrebbe dare vita a una comunità web che permetterebbe di annullare il gravio libri a studenti e famiglie, migliorando anche l’impatto ambientale.

Un’idea nata guardando la trasmissione report

Domenica scorsa ho visto sulla trasmissione report un’anteprima della prossima puntata. Si parlerà tra le altre cose di testi scolastici scritti e impaginati dai docenti delle scuole per abbattere i costi dei libri.

Testi scolastici in licenza creative commons

Così mi è venuta una piccola idea. Ho pensato che se alcuni docenti scrivessero dei testi scolastici sotto licenza creative commons potrebbero dare inizio a una comunità che utilizzerebbe quei libri. Non solo, con il tempo vari docenti e volontari potrebbero contribuire a migliorare e ampliare i testi, per renderli sempre più professionali.

Un vantaggio per famiglie, studenti e scuole

Gli studenti avrebbero quindi la possibilità di scaricare gratuitamente i testi da internet e consultarli comodamente sul pc, stampando all’occorrenza le pagine necessarie. I docenti potrebbero consulatre vari testi e quando interessati modificarne e / o aggiungere contenuti e caricare così un nuovo contenuto sul web. Il tutto disponibile per qualunque scuola volesse partecipare e utilizzare questi libri per i propri studenti.

La necessità di commenti dagli appartenenti ai lavori per vagliare la fattibilità di un progetto

Mi piacerebbe ricevere commenti da professori e addetti ai lavori per capire in base alla loro esperienza se tutto questo potrebbe essere fattibile. In attesa dell’uscita del lettore di e-book (hardware) o in alternativa agli e-book stessi (libri software che comunque avranno un certo costo) si potrebbe valutare questa nuova forma di comunità, risparmiando denaro per quanto riguarda le famiglie, carta per tutta la società e il gravio dei libri agli studenti.