La cultura non è intelligenza

26 ottobre 2009 at 06:10

braccia unite e intrecciate in cerchio

L'unione delle proprie conoscenze da vita a una vera intelligenza umana


Si tende a credere che la cultura sia intelligenza e l’ignoranza stupidità, ma ciò che fa veramente la differenza in un uomo è il buon senso. Questo è il metro di misura con cui è possibile valutare la vera intelligenza di un uomo e i meandri della stupidità.

L’ignoranza degli uomini li divide uno dall’altro

C’è sempre stato un divario, una sorta di guerra, un malinteso tra gli studiosi e i lavoratori. Questa separazione sociale si è riversata in un conflitto tra borghesia e proletariato. I primi, facendosi fregio della loro cultura hanno sempre avuto un pò la puzza sotto il naso, soprattutto nei confronti della classe operaia. I secondi hanno sempre guardato con sospetto coloro che esercitano professioni che non richiedono un vero e proprio lavoro manuale.

L’unione fa la forza

A mio vedere è una lotta d’ignoranza generale. Nel periodo illuminsta si sono fatti grandi passi avanti nelle possibilità dell’uomo proprio quando gli scienzati hanno capito che la scienza studiata senza essere applicata non era nulla e quando coloro che applicavano la scienza manualmente capirono che senza studiosi che ne elaborassero nuove soluzioni e teorie sarebbe stata impossibile. L’unione di queste due frange ha creato nuove idee, nuove possibilità. I primi insegnavano nuove tecniche da applicare, i secondi insegnavano contesti applicativi nel praticare manualmente quella scienza. Entrambi imparavano l’uno dall’altro. Questo incontro di pensieri e di lavoro è stato essenziale per lo sviluppo non solo delle tecnologie ma proprio del pensiero umano applicato.

La cultura non è intelligenza come l’ignoranza non è stupidità

Ad oggi questo si è perso. Si da importanza a un uomo in base al lavoro che fa, la cultura che ha, i soldi e le cose che possiede. Ci si crea schermi protettivi per difenderci dall’ignoranza e dalla saccenza dimenticando che siamo tutti ignoranti e saccenti a nostro modo. Purtroppo si crede che la cultura sia intelligenza, quando la cultura in realtà è solo sapere, l’intelligenza è un’altra cosa. Ho conosciuto persone colte di un’ignaranza spaventosa e persone prive di cultura con una grande intelligenza. Ciò che ci manca purtroppo è il buon senso. Non riusciamo a capire che ogni uomo ha il suo bagaglio di esperienze, le sue abilità e per questo si creano false credenze su chi sia meritevole delle nostre attenzioni e della nostra compagnia e chi no.

Una nuova epoca di lumi: la forza degli uomini!

Finché ci saranno raggruppamenti di uomini basati sulla classe sociale, l’idea politica, il lavoro e le credenze gli uomini cresceranno molto poco. È veramente disidicevole tutto questo. Speriamo solo che una nuova epoca di lumi arrivi presto, in modo che gli uomini di ogni ceto, ogni appartenenza, ogni idea e credenza possano di nuovo collaborare insieme per migliorarsi a vicenda, questa è la vera forza degli uomini!