La famiglia della chiesa cattolica e la famiglia di Yehosua

23 novembre 2009 at 06:12
Famiglia stilizzata composta da moglie, marito e 2 figli

L'idea della famiglia cattolica in contrasto con la famiglia di Yehosua

La chiesa cattolica ha sempre promosso una famiglia e dei valori famigliari che sono in contrasto con la famiglia di Yehosua e dei valori da lui insegnati.

Dettàmi da chi non ti aspetti

Mi ha sempre incuriosito ascoltare la chiesa che parla della famiglia. Uomini che non hanno moglie e figli, che non hanno la minima idea di cosa voglia dire lavorare una giornata intera, occuparsi della casa e vivere la famiglia, sono pronti a parlarne in una maniera tale che quasi sembra che siano sposati e abbiano 3 o 4 figli, invece sono preti.

La chiesa e l’istituzionalizzazione della famiglia

La chiesa tiene tanto alla famiglia, tralasciando non solo come ha vissuto Yehosua, ma anche ciò che ha detto. Il Cristo infatti aveva questa famiglia: una madre carnale, un papà adottivo e molti dubbi rimangono ad oggi circa i suoi fratelli, che erano tanti (i figli di Giuseppe con la sua precedente moglie) e che fondamentalmente erano fratellastri. Questa era la famiglia di Yehosua, eppure la chiesa vuole istituzionalizzare tutto: marito, moglie e qualche bambino.

Gli insegnamenti del Cristo circa la famiglia

La problematica più grande è non prendere in considerazione uno dei più grandi insegnamenti di Yehosua: considerare il prossimo come la propria famiglia. Sulla croce, infatti, dice a sua madre di considerare il discepolo Giovanni come suo figlio e ad esso di considerare ella come sua madre. Il Cristo ci ha insegnato che siamo suoi fratelli e quindi figli del Padre. La cosa più buona che possiamo fare è ritenere lo sconosciuto che incontriamo per strada nostro fratello, madre la nostra vicina di casa, figli nostri i bambini altrui.

La libertà dei sentimenti che manca agli uomini

Se gli uomini vivessero in spirito e verità questo insegnamento il mondo sarebbe un posto sicuramente migliore. Purtroppo chi dovrebbe insegnare queste cose non lo fa, anzi punta tutto su un’istituzionalizzazione della famiglia e dei relativi sentimenti, privando gli uomini di un grande insegnamento e di una grande libertà sentimentale che ne deriva.