Il parlare che si trasforma in guerra per portarsi a casa la ragione

28 settembre 2009 at 11:25

litigio tra uomo e donna

Una discussione finita in litigio per volere avere ragione a tutti i costi


Quando si parla si tende a perdere il concetto di discussione, soprattutto la parte costruttiva di essa. Molte volte si arriva al punto in cui entrambe le parti vogliono solo prevalere sull’altro per dimostrare di avere ragione.

Il piacere di parlare

Parlare con amici e conoscenti è molto piacevole, le discussioni sono un vero diletto, una sorta di linfa vitale per la vita e la mente di tutti noi. Dopo una cena, facendo due chiacchiere si può arrivare a parlare praticamente di qualunque cosa. Le opinioni sono tante, ognuno ha il suo punto di vista ed è veramente costruttivo parlare e ascoltare cosa dicono tutti.

I pericoli delle discussioni

Capita però troppo spesso che le discussioni si infiammino. La foga, soprattutto in noi italiani, di parlare animatamente trasforma la discussione in una sorata di guerra per portarsi a casa la ragione. Si perde il senso di condivisione dei pensieri, di quanto sia utile e importante parlare con calma e chiarezza e ascoltare con attenzione. Molte persone, quando ascoltano, tendono ad aspettare il proprio turno per parlare.

L’impegno da mettere in una discussione

È molto importante invece immedesimarsi nel pensiero altrui per capirne le ragioni, per capire quale corrente di pensiero e quali motivazioni portano a quel ragionamento. Ci si mette così in discussione, imparando molto di se stessi grazie al pensiero degli altri. Il pensiero va poi elaborato secondo il proprio ragionamento, cosicché possa crescere e migliorare. È un percorso duro e difficile, ma molto costruttivo e maturo.

La guerra delle discussioni

Purtroppo il più delle volte le persone parlano semplicemente portando in guerra il proprio pensiero contro quello altrui. E così le discussioni divengono semplicemente un momento di sfogo per la propria rabbia e la propria repressione, cercando di avere l’ultima parola, quasi questo potesse simboleggiare la vittoria sull’altro.

I veri vincitori sono quelli che dopo una discussione si portano a casa qualcosa che prima non avevano; un pensiero, un ragionamento, un’idea. Accettano la cosa con gioia e pensano nei giorni successivi a quanto appreso per elaborare ancora meglio le nuove ideologie che saranno sicuramente costruttive.

Imparare dai bambini

Credo questo sia un segno di maturità, che purtroppo al giorno d’oggi manca spesso. Pare quasi siamo tornati tutti bambini. Forse i bambini in alcuni contesti si comportano meglio: non hanno manie di grandezza ne comportamenti da despota. Ogni tanto faremmo bene a imparare da loro.