archeologia

Teoria sulle figure rupestri

2 ottobre 2009 at 10:05

Incisione rupestre raffiguranti due uomini con un'arma in mano

Incisioni rupestri - il loro mistero è più nascosto di quanto si pensi


La conoscenza è insita nel passato così come nelle scoperte future. Ignoriamo e non tramandiamo conosenze solo perchè non sappiamo come classificarle. Perdiamo così una grossa parte del nostro essere atavico.

Ciò che crediamo non è la realtà

Abbiamo la propensione a ritenere che la conoscenza sia nel futuro, credendo che più ci addentriamo nel passato e più troveremo ignoranza. Chiamiamo gli antichi con il nome di primitivi eppure ad oggi tanti misteri non sono stati svelati. Le figure rupestri sono per noi i disegnini di uomini primitivi. Non prendiamo in considerazione che anche se fossero primitivi potrebbe essere arte.

Crediamo di essere l’unica generazione nell’unica era, quando il tempo è in realtà così lungo e profondi e nascosti sono i suoi misteri. Mi è sempre piaciuto un piccolo esempio che lessi tempo addietro sul web e che riporto a parole mie.

La vita di 2 uomini d’oggi dopo una catastrofe

Se io e te fossimo gli unici sopravvisuti a una catastrofe universale non avremmo molte speranze di sopravvivenza. Eppure siamo considerati uomini moderni, con molte conoscenze. Sappiamo cosa è un TV, un aereo, un computer. Conosciamo la scienza, la chirurgia e tante altre cose. Ora, non so tu, ma io non ho la minima idea di come si costruisca un TV, un aereo e un computer. Non sperare possa operare chirurgicamente o fare cose da scienzato.

Potrei però dipingere queste cose per rappresentarle, questo si. Potrei disegnare aerei che decollano, città intere, schermi televisivi e molto altro. Non aspettarti però chissà quali opere d’arte, non me la cavo molto bene con la pittura e i miei disegni apparirebbero come quelli di un bambino. Se un giorno di molti decenni dopo qualcuno trovasse queste rappresentazioni penserebbe forse che eravamo dei primitivi?

Le prime cose che faremmo se non trovassimo armi credo sarebbe costruirne, per poterci difendere. Un bastone con legato una pietra o qualcosa del genere. Chissà, essendo sopravvisuti a una catastrofe magari ancora molti sconvolgimenti sarebbero in corso e potremmo rimanere seppelliti da una valanga o chissà cos’altro. Millenni dopo ci troverebbero e cosa direbbero? Che hanno trovato due omini primitivi con il loro bastoncino per difendersi?

La concezione d’insegnamento di oggi va contro il concetto d’insegnamento stesso

A volte basta tenere aperte le possibilità per avere una gamma di soluzioni riguardante gli avvenimenti un pò più ampia di come ce la voglino fare credere. Il nostro sistema si base sulla conoscenza e non sul mistero. Immagina come sarebbe se tutte le cose misteriose che esistono fossero materia d’insegnamento; un alunno farebbe una domanda e l’insegnante non saprebbe rispondere. Si perderebbe il concetto che uno insegna e l’altro impara.

Forse basterebbe ritrovare un pò la nostra umiltà di uomini e chiarire come stanno le cose. Forse così ritroveremmo la nostra strada, che ci farebbe capire che molta conoscenza e molti misteri sono alle nostre spalle e se non li ignoreremo ce li ritroveremo dinnanzi a noi, per imparare sempre più, dal passato così come dalle nuove scoperte.