routine

Una giornata in 5 secondi

25 maggio 2010 at 06:06

Non lavoriamo più per vivere. Giriamo come trottole tutto il giorno e non ci rendiamo più conto che viviamo solo per lavorare. Sempre di corsa, sempre incazzati, sempre stanchi e malcontenti. La nostra giornata scorre in un attimo e la routine insidia il nostro animo.

Una giornata in 20 righe

Ti alzi, sei sfondato! Ieri sera hai fatto ancora tardi, ma stasera andrai a letto presto, sicuro! Ti aggiri per casa come uno zombie, il tuo cervello non ha ancora trovato la connessione con la realtà. Ingurgiti qualcosa che si possa più o meno chiamare colazione. Ti trascini in bagno e ti lavi, la tua faccia comincia a riprendere un aspetto umano. Ti vesti al volo e scendi. In macchina verso il posto di lavoro. Sempre una gran fila. Ti guardi intorno… “ma che cazzo ci faccio ancora qua”, è il solito pensiero mattutino che ti passa per la testa, ma nonostante questo arrivi a lavoro.

Solita gente, solite cose. Ecco il collega che non sopporti che ti saluta. Intravedi il tuo capo che sembra già volerti rompere i coglioni. Meglio prendere un caffè, speriamo aiuti a migliorare la giornata. Lavoro. 4 ore. Pausa pranzo. Ingurgiti qualcosa in mensa o al bar li vicino. Lavoro. 4 ore. In macchina verso casa. Sempre una gran fila. Oggi devi fare spesa. Centro commerciale. Gran calca. Gran fila. Arrivi a casa. Sistemi la spesa e con le poche forze che ti restano prepari qualcosa che possa chiamarsi cena. Fai una doccia. Ti riprendi quel tanto che basta per lobotomizzarti il cervello qualche ora davanti alla TV. Cazzo! Anche stanotte hai fatto l’una! Vai a letto. Domani è un altro giorno…